Cornello dei Tasso e le origini delle Poste.

Con l’andare del tempo, lo sviluppo delle tecniche, dei mezzi di trasporto e una certa cultura della non curanza del territorio, è sempre più raro trovare luoghi dove tutto sembra essersi fermato all’origine. Eppure, a pochi chilometri da Bergamo in direzione Valle Brembana, la sorpresa è tanta nello scoprire un borgo dove ancora oggi l’unica possibilità di raggiungerlo è mettersi in cammino lungo brevi sentieri montuosi. Cornello dei Tasso rappresenta infatti una delle poche località rimaste intatte, dove meglio si è conservata la struttura urbanistica medioevale.

Un tempo il borgo di Cornello dei Tasso era al centro dei commerci che si svolgevano tra la città di Bergamo, i paesi delle valli bergamasche, la Valtellina fino a raggiungere le zone dei Grigioni lungo l’antica via Mercatorum. La concessione del mercato per due giorni la settimana contribuì inoltre ad aumentarne la notorietà del paese raggiungendo, nel periodo di massimo splendore, una popolazione di circa mille abitanti. Tuttavia nel 1592 il podestà di Bergamo Alvise Priuli, su incarico del Senato della Repubblica di Venezia, ordina la costruzione di una nuova strada che aggira il villaggio e sposta i traffici più a valle. La strada Priula, dal nome del podestà, segna pertanto la fine dell’epoca d’oro di Cornello e l’inizio del suo isolamento, favorendo per contro la conservazione dell’originario tessuto urbanistico. L’allineamento orizzontale delle costruzioni sorte su uno sperone roccioso a picco sul fiume Brembo, ben visibili dalla mulattiera che conduce al paese, evidenziano l’originaria caratteristica di fortificazione del borgo. L’ingresso dalla porta principale introduce quindi alla maestosa via porticata, alla chiesa Romanica con la pendente Torre Campanaria e ai numerosi edifici in pietra che rendono questo luogo speciale, dove ogni oggetto è in armonia col luogo. Ma non è tutto! Cornello ha infatti legato il suo nome a quello dell’antica famiglia Tasso, conosciuta sopratutto per aver dato i natali a due grandi letterati: Bernardo Tasso e suo figlio Torquato, autore della Gerusalemme Liberata. Originari di questo borgo, i vari rami del casato svolsero dapprima un ruolo importante nella fondazione e nella gestione della Compagnia dei Corrieri della Serenissima di Venezia fino a detenere per secoli il monopolio del servizio postale tra l’impero tedesco e gli altri stati d’Europa. Questa ed altre interessantissime curiosità meritano di essere approfondite visitando il Museo dei Tasso e della Storia Postale, come quella di scoprire l’origine del termine di uso internazionale Taxi !

Cornello dei Tasso con il suo Museo, le alpi Orobie, le vallate circostanti e Bergamo città, sono tutte località che meritano una visita; località dove natura e storia si sono unite in un connubio indelebile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...