Bergamo e Gaetano Donizetti

Spesso è necessario allontanarsi dalla propria città per constatare quanto talune personalità di spicco del mondo storico, artistico o culturale cittadino, possano essere riconosciute ed apprezzate maggiormente. Ogni qualvolta infatti è capitato di intrattenersi in piacevoli conversazioni con persone incontrate durante viaggi lontani è sempre emersa, nel tentativo di spiegare i miei luoghi di origine, la figura di Gaetano Donizetti.

Gaetano Donizetti, uno dei maggiori compositori di musica operistica italiana del primo Ottocento, è l’artista che connota musicalmente la città di Bergamo e ne esporta il nome in tutto il mondo. Nato da famiglia poverissima in Borgo Canale il 29 novembre 1797, poco al di fuori della cinta muraria veneta che circonda la parte alta della città, fu accolto dall’età di nove anni nella Scuola Caritatevole di Musica di Bergamo, diretta da Simone Mayr. Prosegue gli studi musicali a Bologna e da lì inizia a produrre ed a girovagare; dapprima a Venezia che segna l’esordio teatrale, poi Roma dove riscuote i primi riconoscimenti di critica e pubblico con la sua “Zoraide di Granata”, fino a Napoli dove ottiene un buon contratto che gli permise di produrre opere di grande successo come: “Anna Bolena”, “Lucia di Lammermoor” e “Elisir d’Amore“; e di essere nominato direttore dei Teatri Reali. Colpito da una serie di lutti famigliari e consigliato da Gioachino Rossini si reca a Parigi dove, nonostante la sfortuna continuasse a perseguitarlo con la morte della moglie e di un’altra figlia, Gaetano Donizetti curò il dispiacere e la solitudine aumentando il ritmo del lavoro: in pochi anni scrisse infatti capolavori come “Don Pasquale”, “Don Sebastiano del Portogallo”, “Linda di Chamounix”, “Maria di Rohanna” e il “Conte di Chalais”. Ricevette nel 1842 a Vienna l’ambita nomina di maestro di Cappella di Corte ma la sua salute, compromessa dalla sifilide, lo costrinse dapprima in manicomio e poi ad un rientro a Bergamo dove la morte lo colse l’8 Aprile 1848.

La vasta produzione musicale di Gaetano Donizetti, con oltre 73 melodrammi alcuni dei quali messi in scena ancora oggi nei Teatri Lirici di tutto il mondo, rappresenta una parte di rilievo nell’orizzonte internazionale del teatro in musica. Bergamo e la sua città hanno voluto esprimere il particolare legame di affetto e ammirazione che li unisce al compositore intitolandogli il principale teatro cittadino, il Civico istituto musicale e un museo, denominato appunto Museo Donizettiano, che riunisce in un’unica collezione cimeli e testimonianze inerenti la vita e l’attività artistica del grande compositore. Molto probabilmente, sopratutto a livello educativo e promozionale, Bergamo ed i suoi cittadini potrebbero fare molto di più per ricordare e fare conoscere, prima di tutto a loro stessi, la figura del Donizetti. Significativo in tal senso è il recente restauro della Casa Natale del compositore al civico 14 di Via Borgo Canale;  un’azione concreta e reale che riporta alla luce un luogo del passato e consente di ritrovare quel poco di orgoglio di fronte al visitatore forestiero.

Bergamo ha la capacità di stupire. I luoghi e la memoria del Donizetti, oltre ai meravigliosi edifici antichi immersi tra piazzette e tortuosi vicoli della Città alta, meritano molta attenzione. Spesso infatti Bergamo è poco conosciuto ma non per questo delude il viaggiatore. I gestori di 9flats.com saranno lieti di accogliere tutti coloro che decidessero di passare qualche giorno tra le loro mura domestiche. Potrete trovare adeguata sistemazione nell’omonima stanza Donizettiana: www.9flats.com/it/places/27038-bed_breakfast-bergamo?origin=search&view_index=0 oppure in un magnifico appartamento: www.9flats.com/it/places/25756-appartamento-bergamo?origin=search&view_index=0, entrambi adiacenti all’antica Via Pignolo che vi condurrà in pochi minuti alla scoperta dell’affascinante Città Alta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...