Una vetta di confine, il Pizzo dei Tre Signori

Attaccare una vetta,per tutti gli appassionati di montagna, è motivo di grande orgoglio e preparazione. All’imbocco del sentiero a valle si pregusta già la soddisfazione di giungere in cima ed osservare tutto dall’alto. Quando poi la destinazione scelta possiede un qualche valore simbolico, l’escursione assume nuovi significati. Ecco allora che raggiungere la vetta del Pizzo dei Tre Signori, dopo essersi documentati a dovere, diviene un’esperienza molto particolare.

Il Pizzo dei Tre Signori, con i suoi 2554 metri di altezza, è infatti una splendida montagna delle Alpi Orobie; sorge all’estremità nord occidentale della provincia di Bergamo quasi isolata da tutto l’arco alpino circostante  e costituisce punto di incontro di tre provincie lombarde: Bergamo, Lecco e Sondrio. Basta però solamente un po’ di cultura storica per capire l’importanza di questa montagna a cui venne dato questo nome nel 1512, allorquando la Valtellina passò sotto il dominio delle Tre Leghe (Grigioni) e da allora sulla cima del pizzo convergono i confini dei domini della Repubblica Veneta (versante orobico bergamasco), del ducato di Milano (montagne del lecchese) e, appunto, delle Tre Leghe.

Quando pensiamo a questa cima ci viene in mente soprattutto l’ampiezza del panorama che si dipana su tutte le montagne lombarde e le Alpi tra cui il Monte Rosa, il Cervino, il Bernina e  l’Ortles. Ma questo gigante, legato fin dall’epoca romana allo sfruttamento di numerose miniere di ferro, di storia ne ha vista proprio tanta. La bocchetta di Trona, poco a nord del pizzo, fu infatti fin dall’antichità, il più agevole valico che congiungeva il milanese alla Valtellina attraverso la Valsassina. Nei secoli da qui passarono genti, mercanti ed eserciti: dapprima i Romani e i Goti e dopo di loro i Longobardi alle prese con i Franchi; in seguito Veneziani e Milanesi che si contendevano la bassa Valtellina, fino al passaggio dei funesti Lanzichenecchi che portarono con loro una tremenda epidemia di peste; fù poi la volta delle scorribande Spagnole e Francesi durante la Guerra dei Trent’Anni. Forse l’ultimo transito significativo, avvicinandoci ai giorni nostri, è il ripiegamento in Valtellina nel novembre del 1944, della 55sima brigata partigiana Fratelli Rosselli, per sfuggire ad un rastrellamento nazi-fascista.

Arrivare affaticati alla croce posta alla vetta del Pizzo dei Tre Signori, dopo che ci si è immaginati per tutto il tragitto al fianco di un esercito invasore o alle prese con un pellegrino diretto in centro Europa, davvero provoca una sensazione diversa dalle altre volte che si è giunti in cima ad un monte. E’ in luoghi come questo che sentiamo forte l’intreccio inseparabile tra storia, seppur rievocata, e natura; ed è in luoghi come questi, protagonisti del passato, che occorre fermarsi a riflettere per provare a vedere il futuro. Il Pizzo dei Tre Signori rappresenta dunque un punto di confine a ridosso di varie vallate, pertanto raggiungibile da più direzioni. Le più percorse sono quelle che partono dal paese di Ornica nella alta Valle Brembana e da Premana, paese arroccato sotto il Legnone, in Valsassina. Per chi venisse da lontano c’è la possibilità di alloggiare qualche giorno presso uno dei gestori 9flats.com di zona. Nelle vicinanze di Premana si trova questa bellissima casa di montagna: www.9flats.com/it/places/16786-bungalow-pian_delle_betulle?origin=search&view_index=1 oppure a pochi chilometri dalla Valle Brembana un accogliente appartamento:www.9flats.com/it/places/23280-appartamento-milano?origin=search&view_index=0. Non resta che riempire lo zaino e partire!

Annunci

Una risposta a “Una vetta di confine, il Pizzo dei Tre Signori

  1. Aw, this was an exceptionally nice post. Taking a few minutes and actual effort to create a
    good article… but what can I say… I put things off a whole lot and
    don’t manage to get anything done.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...