Nel cantiere più alto d’Europa

La vista quassù spazia dal Dente del Gigante al Cervino, dal Monte Rosa al Gran Paradiso fino alla cima del Monte Bianco. Dai 3.400 metri del mitico rifugio Torino, punto d’appoggio dei migliori scalatori, sciatori ed esploratori del gruppo di montagne più alte d’Europa, sembrerebbe impensabile alzare lo sguardo e ritrovarsi maestosamente affascinanti dai colori rosso e bianchi delle gru, appoggiate a rocce scoscese ed immerse nel blu di un cielo movimentato dalle rapide evoluzioni delle nubi. Eppure da queste parti si lavora alla nuova funivia, che sostituirà il vecchio impianto di risalita inaugurato nel lontano 1946.

DSCN5251

Forse la natura tutta intorno non sarà pienamente d’accordo ma il cantiere della nuova funivia del Monte Bianco, partenza dal paese di Courmayeur, è una meraviglia da visitare, una sfida di ingegneria estrema. Si stà infatti costruendo una nuova stazione a Punta Helbronner, una casa tutta acciaio e vetri con terrazza panoramica sul tetto a 3.462 metri di altitudine, una specie di astronave fatta atterrare fin quassù dal progetto dell’architetto genovese Carlo Cillara Rossi, pronta a partire dal 2015.

DSCN5210

Nel cantiere più alto d’Europa operano in particolare: gru speciali per resistere alla violenza del vento di Punta Helbronner trasportate qui grazie al possente lavoro di elicotteri,  temporanee teleferiche costruite appositamente per consentire il trasporto in quota dei materiali per le costruzioni, e la parte più ostica è senz’altro per gli addetti ai lavori che si trovano a sfidare temperature molto rigide e l’aria rarefatta dall’altitudine. Per constatare ancor più la maestosità del progetto occorre allontanarsi di qualche decina di metri dal rifugio, percorrendo la via sul ghiacciaio in direzione del Dente del Gigante.

DSCN5217

La riflessione è comunque doverosa. Su queste montagne sono state scritte le pagine più importanti della storia dell’alpinismo, ove spesso la sfida tra l’uomo e la natura si risolveva senza nè vinti nè vincitori e, solo il riuscire ad esserci, a toccare con mano questi pendii rocciosi colmi di neve, poteva risultare un impresa. D’ora in poi invece venire qui sarà tutto così semplice, quasi scontato, con il rischio che tutti i nuovi sguardi siano terribilmente irrispettosi di fronte a queste meraviglie.

DSCN5259

Sfida questa che l’architettura del futuro dovrà comprendere appieno e portare a compimento ma nel cantiere più alto d’Europa però ne siamo certi, di fronte al monumento roccioso del Bianco e dei suoi 4.810 metri, potrà mancare tutto ma ci auguriamo non il rispetto !

(vote the blog: http://www.bigblogexchange.org/blog/458001 )

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...